banner sito
Vai ai contenuti

Galapagos: la rotta su isola Santa Cruz

Dopo il disgraziato episodio all'isola Rabida (privato di uno strumento indispensabile per visitare queste terre cioè la fotocamera), il Sulidae, dopo aver navigato tutta la notte, arriva  a Puerto Ayora, isola di Santa Cruz. Qui il gruppo si divide: c'è chi resta a bordo per proseguire la crociera, chi termina la crociera alle Galapagos e scende per raggiungere in volo San Cristobal mentre noi ci dirigiamo all'agenzia viaggi che avevo incaricato per prenotare la crociera ed i trasferimenti interni alle Galapagos nonchè i voli da Quito e per Guayaquil.

Puerto Ayora, circa 12.000 abitanti, è il centro principale delle Galapagos, capolinea di tutte le crociere e dei voli aerei con l'Ecuador: per questo è decisamente una cittadina ad impronta turistica che ha conservato poco o nulla della genuinità isolana. Souvenir, boutiques, ristoranti in ogni angolo. Magliette ricordo, jeans, gadgets..... ma di fotocamere  nemmeno l'ombra, salvo alcuni relitti che da noi andavano forse 20 anni fa. Saremo più fortunati a Isla Isabela? lo leggerete poi......       


Arriviamo all'agenzia viaggi, una delle tante che ci sono a Puerto Ayora. Finalmente un contatto visivo e concreto con Karen la titolare della We are the Championstours
, che pazientemente insieme a Patricio ci ha procurato biglietti aerei da/per le Galapagos, trasferimenti interni e crociera. Giusto il tempo di scambiare due chiacchiere davanti ad una tazza di un caffè gentilmente offertaci, depositare temporaneamente i bagagli e dirigerci al Centro Ricerche Darwin mentre una leggera pioggia comincia a scendere.   
Alla Fondazione Darwin c'è un interessante allevamento di tartarughe delle Galapagos, si possono ammirare sia i piccoli, a decine, sia diversi esemplari di adulti, alcuni veramente di notevole stazza. Merita sicuramente una visita anche per comprendere l'importanza del lavoro di questo centro nella preservazione di queste specie.

Al ritorno (una passeggiata di circa mezz'ora) recuperiamo i bagagli e, dopo aver salutato Karen veniamo accompagnati al porto dove è in procinto di partire la motolancia che in poco più di due ore ci condurrà a Puerto Villamil sull'isola Isabela.



Copyright © 2019 Diariovacanze.it
Torna ai contenuti