banner sito
Vai ai contenuti

Namibia: cosa vedere dal Parco dell'Etosha al Waterberg

Oggi è il diciottesimo giorno del viaggio fai da te e alcune nubi cominciano ad addensarsi all'orizzonte: il soggiorno purtroppo volge verso la fine ma ci sono ancora diverse cose da vedere, anche in questo tragitto odierno dal parco dell'Etosha al Waterberg Plateau.
Lasciamo questo angolo di paradiso che è il Parco dell'Etosha, ci accompagna per un buon tratto un paesaggio sabbioso e di pietrisco finchè muta in boscaglia mentre diminuisce la distanza e il  massiccio del Waterberg Plateau ormai è ben visibile all'orizzonte.
Alla fine della pista sabbiosa, che conduce all'interno della riserva naturale, ci troviamo al Waterberg Plateau lodge
situato quasi alla sommità dell'altopiano e in una posizione privilegiata che domina a perdita d'occhio la piana verdeggiante sottostante della Namibia centrale. Pur non essendo ad altezze importanti (siamo a circa 200 metri sul livello del mare) il colpo d'occhio è bellissimo! Il nostro bungalow, come tutti gli altri, è affacciato sulla sottostante pianura e dispone di una minuscola piscina, sufficiente per un bagno rinfrescante mentre si guarda l'infinito della pianura. L'ambiente è spazioso e anche l'arredamento è piacevole, tutto in legno con ampia vetrata in affaccio alla sottostante distesa.
Da qui, ci sono diverse cose da fare per passare la giornata: trekking sul Waterberg più o meno impegnativo, sentieri nella natura, escursioni alla ricerca degli animali della riserva. Per quanto sazi dai tre giorni precedenti, abbiamo scelto di partecipare all'escursione di ricerca dei rinoceronti bianchi (si distinguono dai neri in quanto sono di maggiori dimensioni, corna più lunghe e massicce e muso squadrato) del pomeriggio. Fra paesaggi di sabbia rossa, rocce rossastre, acacie e bassa boscaglia, abbiamo percorso diversi km nella riserva, con il mezzo del resort, avvicendando avvistamenti di giraffe, impala, gnu, antilopi e alcuni esemplari di rinoceronte bianco veramente massicci e per nulla rassicuranti. Ciò nonostante, siamo stati condotti fino a pochi metri da loro: certamente più preoccupati noi di loro!
Il ristorante del resort, servizio e cucina ottimi, è un corpo separato situato su uno sperone di roccia, un osservatorio privilegiato sotto un cielo stellato e con la piana punteggiata dalle luci dei pochi insediamenti abitativi.


Copyright © 2019 Diariovacanze.it
Torna ai contenuti