viaggi vacanze e turismo fai da te, itinerari, fotografie: diariovacanze.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

NAMIBIA: dal Grootberg all'Etosha park

AFRICA > Namibia > Percorsi stradali
 
 
 
 
 

Grootberg pass - Etosha (180 km., circa 2h.)

Il percorso non è calcolato con riferimento ai cancelli dell'Etosha park ma con la destinazione del nostro pernottamento, l'Hobatere Lodge, situato al confine ovest dell'Etosha nel quale ci trasferiremo il giorno seguente.

La pista che scende dal Grootberg pass
(la C40) mantiene i caratteri di impegno alla guida del giorno precedente per la prima parte del tracciato, poi va progressivamente migliorando fino a Kamanjab (90 km. di distanza): da qui si prende la C35 che è asfaltata e sulla quale si può finalmente viaggiare più rilassati. Si procede spediti per 60 km. lasciandosi nel frattempo alle spalle il Galton Gate (cancello ovest di ingresso al parco dell'Etosha) finchè sulla sinistra ben visibile il cartello indica la svolta per l'Hobatere Lodge che si raggiunge con un trasferimento di ulteriori 15 km.  
In questa tratta si assiste a un deciso cambio di panorama: dai contrafforti rocciosi e aspri del Grootberg, progressivamente prende piede il bush e poi la bassa e rada boscaglia che caratterizza l'Etosha e che contorna l'immenso pan al centro del parco.


Interno dell'Etosha park


La mattina successiva ripercorriamo la pista d'accesso all'Hobatere Lodge per riprendere la C35 per pochi km e giungere al Galton gate
, cancello di ingresso ovest dell'Etosha park; da questo punto fino all'ingresso est dell'Etosha (situato a Namutoni) passando per Okaukuejo sono circa 330 km.  di pista oltre alle numerosissime deviazioni che portano alle varie pozze, alcune artificiali, dove fermarsi per gli avvistamenti. Il percorso è tranquillo e facile, tutto fatto di piste a fondo ghiaioso, ben tenute, che si potrebbero percorrere anche a velocità di 70-80km/h o più, ma ci sono diversi motivi che scoraggiano dal farlo: prima di tutto il regolamento del parco che impone limiti di velocità inferiori, poi il rischio di scontrarsi con gli animali che vagano liberi (e sono tanti) poi si perderebbe completamente il senso della visita: o si guida o si guardano gli animali e il paesaggio.
Lungo la pista principale si trovano facilmente le indicazioni per le pozze: agli incroci, posizionati per terra, blocchi di cemento a forma tronco piramidale riportano l'indicazione della pozza e i km da percorrere per raggiungerla. Anche queste deviazioni sono in linea generale ben percorribili e sempre su fondo ghiaiato, salvo alcune - ma sono poche - che presentano condizioni di guida più disagiate con buche, avvallamenti e percorsi più sinuosi.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu