viaggi vacanze e turismo fai da te, itinerari, fotografie: diariovacanze.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

DESCRIZIONE DI PONZA

ITALIA > Ponza
 
 
 
 
 
 
 
 
 


L'isola di Ponza ha una superficie di meno di 8 kmq., la sua conformazione la fa assomigliare a una lingua di roccia protesa verso il poco lontano continente e, da punta a punta, è lunga poco più di 7 km.  Se si escludono le vie cittadine, di fatto esiste una sola ed unica strada che attraversa l'isola nel senso longitudinale (e non poteva essere diversamente!).

E' quindi difficile parlare di itinerari, ci sarebbe più da dire sui sentieri, con panorami mozzafiato a 360° e tipica vegetazione mediterranea con agavi e fichi d'India pressochè ovunque. Fra l'altro, percorsi nemmeno impegnativi che il turista copre alla stregua di una passeggiata, se si considera che l'altezza massima è di 280 metri slm.

Di Ponza colpiscono i viottoli stretti e in salita, le case intonacate a gesso dai colori sovente pastellati quando non di un bianco puro e abbagliante, la caratteristica di Ponza vecchia. Una passeggiata da compiere in mezza giornata con tranquillità, nell'armonia deli panorami che si possono apprezzare dalla cima dove vi è il caratteristico cimitero, meta di numerosi turisti per la singolarità delle tombe e delle iscrizioni, per poi scendere nella più vivace e rumorosa parte a mare con l'ampia ansa del porto di Ponza.

E nemmeno serve l'auto per spostarsi considerato che è in funzione un efficiente servizio di trasporto pubblico, con corse frequenti e fermate ravvicinate. Il mezzo più adatto (per chi non si vuole cimentare con mountain bike) per  girare l'isola e raggiungere le poche spiagge che l'origine vulcanica dell'isola consente ai residenti e ai turisti. Anche perchè gli spazi per parcheggiare l'auto sono veramente pochi, specialmente in alta stagione.

Le mete di questo breve viaggiare sono la vicinissima ed altrettanto suggestiva spiaggia di Chiaia di Luna (raggiungibile peraltro anche a piedi in pochi minuti) con l'incombente costone a precipizio che ne causa la chiusura per buona parte dell'anno per evidenti motivi di sicurezza (e non si capisce perchè in agosto questa sicurezza non sia necessaria....), proseguendo per la spiaggia di Lucia Rosa e la più distante e coreografica cala Feola con le sue piscine naturali: dopo mezzora circa di bus, dal centro paese, il viaggio termina poco oltre questo angolo che merita una visita senza velleità di trovare spiagge di sabbia vere e proprie ma suggestive insenature..
Questo se si vuole seguire l'itinerario terrestre, perchè con un altrettanto frequente servizio di navetta si può arrivare via mare alla spiaggia del Frontone (oppure via terra con bus e una tratta a piedi su un sentiero abbastanza ripido ma percorribile), spiaggia ghiaiosa ma ampia e rilassante (non certo in alta stagione.....).


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu