viaggi vacanze e turismo fai da te, itinerari, fotografie: diariovacanze.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

VADEMECUM PER LA VACANZA IN AUSTRALIA

OCEANIA > Australia
 


Dalle esperienze di viaggio e di soggiorno, ho qui raccolto una serie di indicazioni ed avvertimenti pratici  per una migliore fruibilità della vacanza. Alcuni sono ripresi da altre sezioni di questo sito, molti altri sono nuovi.

   I suggerimenti comuni ai vari Stati sono riportati qui sotto, mentre a lato trovate il link a quelli specifici per ogni Stato.

Notizie generali


  • Documentazione: munitevi di una buona guida. Io ho usato la Lonely Planet e mi sono trovato molto bene: oltre che essere dettagliata, risponde alla realtà che poi incontrate, anche nelle indicazioni su dove mangiare e dormire. Certo, è un un mattone (1.200 pagine!), ma si tratta di un continente, 8 Stati; ne avevo visionate altre, tuttavia le avevo trovate o superficiali o alquanto sintetiche. Se invece masticate bene l'inglese, sempre la Lonely Planet pubblica delle guide specifiche per alcuni Stati (New South Wales, Queensland, Western Australia, Tasmania ed altre), in rete se ne parla molto bene; io per maggior velocità d'utilizzo ho preferito la versione mattonata italiana. Se pensate di noleggiare un'automezzo, vi servono le mappe stradali, ovviamente in versione dettagliata e specifica per gli Stati che avete intenzione di visitare, la australiana Hema maps, ne ha una grande varietà: dalla mappa generale del singolo Stato, alle principali città, alle piste del Red Center, ma non solo, con tanto di punti GPS.


  • L’orario:  La differenza di fuso orario dipende da dove ci si trova: nel Western Australia ad esempio, sono 7 ore avanti rispetto all'Italia, nella parte centrale (Northern Territory e South Australia) sono 8.30' le ore di differenza, mentre la parte più a est (Queensland, New South Wales, etc.) è avanti rispetto all'Italia di 9 ore. Le cose si complicano poi quando è in vigore l'ora legale: prima di tutto perchè l'Australia adotta l'ora legale nel LORO periodo estivo, da ottobre a marzo (da noi è il periodo opposto) poi perchè nell'altra stagione alcuni Stati la tolgono, altri no, altri la tolgono prima o dopo. Insomma di tutto un pò con una certezza: comunque vada arriverete a destinazione abbastanza "cotti" dal lungo viaggio.


  • Quando andare: Qualunque periodo dell'anno va bene per andare in Australia. Nel senso che è un continente così vasto che c'è sempre una zona dove potrete trovare il clima che cercate (bisogna però vedere se quella è la zona è di vostro gradimento!). Ma andiamo con ordine: prima di tutto ricordarsi che c'è l'inversione delle stagioni rispetto all'Italia (o, meglio, all'intero emisfero nord).  A grandi linee si può fare questa suddivisione: sono da fare nella nostra estate i parchi del Northern Territory, la zona centrale desertica, la parte nord del West Australia e il Tropical North Queensland; mentre gli Stati del sud e la parte meridionale del West Australia e Queensland da dicembre a febbraio. Le altre stagioni, primavera ed autunno, sono di transizione quindi c'è una certa instabilità climatica. Nella sezione Vademecum trovate alcune indicazioni particolari sui singoli Stati


  • Il clima: Date le dimensioni dell'Australia, il clima è molto vario da zona a zona. L'inverno (giugno - agosto) ad esempio è freddo  e piovoso nella parte meridionale (nelle zone più elevate nevica) mentre nella parte a nord il clima è ideale per i viaggi (siamo sopra al tropico del Capricorno); le temperature scendono procedendo da nord a sud (si va dai circa 30° di Darwin ai circa 18° di Sydney come massima). L'estate è caratterizzata da clima piacevole e caldo (si passa dalla massima di circa 33° a Darwin a quella di 25° di Sydney) ma bisogna evitare di andare nei parchi del nord per via delle forti piogge che rendono impraticabili tante zone. Un discorso a parte merita la zona centrale desertica: qui la stagione è una sola, calda e secca di giorno e fredda, molto fredda  (si scende anche sotto zero) di notte. Anche riguardo all'umidità dell'aria il discorso è complesso: nella loro estate si può andare dall'85% di Darwin  al 70% di Sydney, mentre in inverno l'umidità, rispettivamente è di circa l'80% e il 55%. Un sito molto utile per verificare analiticamente (piovosità, giorni di sole, di pioggia, temeprature, etc.) il clima con la media storica degli ultimi 50 anni è quello dell'Ufficio Metereologico del governo australiano: fornisce dati a livello di singola città o paese! Un'altro sito sempre in argomento meteo è quello dell'Australia Travel Search che fornisce anche tante altre notizie utili. Altre precisazioni per alcuni singoli Stati, le trovate nella rispettiva sezione Vademecum.  


  • La lingua: Ovviamente è l'inglese la lingua ufficiale, ma è un inglese spesso idiomatico e con inflessioni che rendono non proprio immediata la comprensibilità. Fra l'altro, l'australiano non è che si sforzi più di tanto per cercare di capire cosa dite......


  • Cosa portare: Dipende. Di quanto sia vario il clima australiano si è gia detto, delle temperature che potreste trovare anche, quindi per quanto riguarda l'abbigliamento regolatevi di conseguenza. Ulteriori dettagli nelle sezioni Vademecum dei singoli Stati


  • Come arrivare: ovviamente in aereo (oppure cercatevi un posto su una più economica nave mercantile!), il volo può durare dalle 18 alle 20 e più ore (oltre agli scali), dipende dalla meta di arrivo e dalla rotta seguita. La compagnia aerea di bandiera è la Qantas, (fa scalo su Francoforte e Londra), ma vale la pena di guardare anche il sito della Emirates. Non esistono voli diretti dall'Italia (principalmente le porte d'ingresso sono Hong Kong e Singapore) ma forse è un fatto positivo, così c'è modo di  sgranchirsi un pò le gambe  e riprendersi fra una tratta e l'altra.  


  • Il passaporto: certo che serve! Deve essere valido per i 6 mesi successivi e occorre che sia munito di visto (richiedibile anche tramite l'agenzia viaggi) che dà diritto ad un soggiorno per turismo fino a un massimo di 90 giorni. Tuttavia potete spendere meno facendovelo da soli, direttamente on-line sul sito del Ministero dell'immigrazione.


  • Aspetti sanitari: siamo in un continente civile quindi servono solo le ordinarie precauzioni che usate a casa vostra. Circa le profilassi: nessuna vaccinazione è obbligatoria, il consiglio è comunque di verificare che abbiate fatto quelle di routine.  Nelle zone del Queensland settentrionale durante la stagione delle piogge ci potrebbe forse essere il rischio della febbre di Dengue, ma non mi risulta che ci si possa lasciare le penne. Prima di partire, recatevi alla vostra ASL e fatevi rilasciare l'attestato di iscrizione al SSN: vi consente di fruire della reciprocità di prestazione, in alcuni casi senza spendere nulla, in altri con diritto al rimborso; una buona polizza sanitaria è comunque sempre bene farla.   


  • Comunicazioni telefoniche: La rete australiana è compatibile con il sistema cellulare GSM 900 e 1800, quindi se il vostro gestore ha accordi di roaming siete a posto. Peraltro dall'Australia è possibile telefonare in Italia a prezzi ridottissimi utilizzando i telefoni pubblici o privati con le schede prepagate che si possono comprare in diversi posti.


  • Per le vostre spese: la moneta ufficiale è il dollaro australiano, il cambio con l'Euro (agosto 2006) è circa 1.70 (1 Euro per 1,70 $Aud). Carte di credito ampiamente diffuse e accettate quasi ovunque, alcune difficoltà con American Express; è anche possibile utilizzare anche il bancomat per i pagamenti (mentre per il prelievo contante si deve andare agli sportelli automatici, e nella zona interna in pratica non ce n'è).


  • Rimborso tasse su shopping:  Se fate acquisti presso un unico negozio per almeno 300 $Aud, fatevi rilasciare lo scontrino fiscale (riporta evidenziato l'ammontare della loro IVA, la GST) e custoditelo gelosamente; alla partenza dall'Australia, in tutti gli aeroporti internazionali, vi recate nell'apposito ufficio dopo aver passato la dogana e vi potete far rimborsare l'importo della GST. Ci sono peraltro alcune semplici regole da osservare, leggetele sul sito delle dogane australiane.


  • Noleggio auto: la nostra patente andrebbe bene, comunque la patente internazionale è bene averla (traduzione multilingue). Quando vi consegnano l’auto, controllate bene insieme a loro graffi e ammaccature: vi faranno firmare un foglio sullo stato dell’auto e tutto quello che non è stato rilevato potrebbe essere oggetto di danno a voi imputabile e da risarcire. Indispensabile avere una carta di credito – con massimale di spesa adeguato, almeno 3.000 Euro o più per sicurezza - se si vuole evitare il deposito cauzionale iniziale in contanti (può arrivare anche a 1.500 $Aud) e se non si è provveduto a prepagare il noleggio dall'Italia. Le compagnie di noleggio sono numerose, oltre alle solite note a livello mondiale, la concorrenza è forte e se fate un giro in rete ve ne renderete conto. Tuttavia se la vostra meta è il deserto per uno di quei viaggi avventura con pernottamenti all'aperto, la migliore in assoluto è Britz. E' specializzata in campervans (sono jeep 4wd allestite a camper) con ricca dotazione di attrezzature con le necessarie dotazioni di scurezza.   


  • Le prenotazioni alberghiere: la ricettività alberghiera è buona in generale e varia, come tipologia e categoria, ma l'alta stagione è pur sempre alta stagione, in particolare nei luoghi turistici più gettonati. Per maggiori particolari leggete la sezione vademecum dei singoli Stati.


  • Quando siete in giro: L'Australia non è a rischio furti più di tante altre nazioni, non dovreste quindi aver brutte sorprese se utilizzate almeno il normale buon senso.  


  • Dove dormire: La rete di camping è veramente ampia, per il resto bisogna vedere caso per caso. Qualche notizia in più nella sezione Vademecum dei singoli Stati. Comunque in generale c'è la tendenza ad una certa spartanità di arredamento negli hotel.


  • Dove mangiare: troverete sempre una farm, una tavola calda o un luogo dove rifocillarvi a patto che abbandoniate l'idea dei pranzi secondo la tradizione europea: qui, in linea generale, sono abituali i piatti unici di carne rossa o di pesce con contorni di vario tipo (compresa la pasta!). Notizie però da approfondire nella sezione vademecum dei singoli Stati. C'è da dire che la carne australiana è tenera e molto gustosa, che sia fatta alla griglia, che sia fritta o altro. Assaggiate le bistecche di canguro, non ve ne pentirete, avventuratevi in un piatto con dromedario (anzi "camel", come è chiamato in Australia) alla griglia o, se proprio volete esagerare in una bistecca di coccodrillo: ne rimarrete piacevolmente sorpresi.


  • Sulla strada: la rete viaria asfaltata è limitata sostanzialmente a due autostrade: la Highway 1 (che vi consente di fare il giro completo dell'Australia stando pressochè sempre sulla fascia costiera) e la Stuart Highway che va da nord a sud cioè da Darwin ad Adelaide. Fra l'altro non sono vere autostrade (salvo alcuni piccoli tratti) cioè con carreggiate separate per corsia di marcia, quindi nel calcolare i tempi di trasferimento tenetene conto considerato anche che i limiti di velocità sono 100-110km/h. Nella zona centrale desertica, attraversata dalla Stuart, sono pressochè tutte piste sterrate, alcune percorribili con un pò di attenzione anche in auto, altre solo con 4wd.  In questa tabella ho riportato le distanze stradali fra le principali città dell'Australia. Il disagio della guida a sinistra si supera ben presto, per il resto prestate attenzione perchè non è escluso che dingos, giovani canguri o altri animali vi attraversino la strada; la notte è il momento più a rischio, per loro e per voi: è con il buio che gli animali escono dalle tane, quindi occorre veramente tanta attenzione e bassa velocità. Gli australiani al volante sono diligenti, prudenti e osservano i limiti (dove ci sono), qualche raro scalmanato si trova, qui come in qualunque parte del mondo. Una annotazione a parte meritano invece i road trains, camion per trasporto merci con motrice e 3, 4 , 5 o più rimorchi. Autentici treni la cui lunghezza complessiva può arrivare a 30, 40 metri ed oltre: sorpassarli non è facile ed occorre tanta prudenza. Oltre allo spostamento d'aria, la lunghezza del convoglio e la sua velocità fanno sì che per sorpassarli è necessario disporre di un lungo tratto di strada, almeno un paio di km., a visibilità perfetta e senza traffico: nel dubbio è meglio desistere.


  • Indicazioni stradali: segnaletica chiara e ben disposta.  


  • Mezzi di trasporto: l'Australia è molto vasta, e considerato quanto detto a proposito della rete viaria, il mezzo aereo rimane il modo più efficace per spostarsi sulle lunghe distanze, a meno che si possa contare su tanto tempo a disposizione. Le rotte aeree interne collegano tutte le città, la Qantas e la Virgin Blue hanno il monopolio sulle rotte interstatali e coprono bene anche le tratte regionali sulle quali sono presenti diverse piccole compagnie. Se fate un giro in rete ve ne renderete conto. Un mezzo sicuramente più economico ma lento è l'autobus, che dispone di una rete assai capillare, escludendo la zona centrale desertica dove i mezzi di linea sono pressochè assenti. Tutto considerato, l'aereo + auto è forse il connubio migliore, quando il tempo non abbonda.


  • Organizzazione della giornata: Come potete vedere dalla tabella sottostante, in inverno le giornate più corte consigliano di alzarsi presto la mattina se si vuole essere efficienti.

 
 
 
 

Estate (gennaio)

Inverno (luglio)

 

alba

tramonto

alba

tramonto

Nord

6.30

19.20

7.10

18.30

Centro

6.00

19.30

7.15

18.00

Sud

5.20

19.30

7.20

17.20

 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu